Sisma L'Aquila:Biondi,pregando più forti dolore e pandemia

Sindaco: momento affidarsi scienza e aderire vaccinazione

(ANSA) - L'AQUILA, 05 APR - "Oggi più che mai è il tempo della preghiera, comunque la si voglia intendere e praticare.
    Preghiera che è corresponsabilità, ma anche la forza che permette di affrontare la complessità della vita. Tutto dipende da noi, Dio non vive al posto nostro". Così il sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi, intervenendo al termine della Santa Messa nella chiesa del Suffragio, in occasione del 12esimo anniversario del terremoto dell'Aquila che il 6 aprile 2009 ha causato 309 morti e 1500 feriti. Anche Biondi, come l'arcivescovo dell'Aquila, il cardinale Giuseppe Petrocchi, ha collegato la tragedia del terremoto di 12 anni con la drammatica pandemia. "Ma come un buon padre ci aiuta a capire che ognuno di noi è più grande del proprio dolore per le persone care che il terremoto ci ha portato via e siamo più grandi dello smarrimento che la pandemia ci affligge. Che siamo più grandi del timore di non farcela, che siamo più grandi di chi, attraverso i social, alimenta le nostre paure sfruttandole per basse finalità - spiega ancora Biondi -. La speranza può essere intesa non solo come l'aspettativa di un futuro migliore del presente. Ma come la virtù di chi non molla, di chi non si fa sopraffare dalla pandemia e comprende che è il momento di affidarsi alla scienza e a quei valori di civiltà e rispetto per gli altri che ci suggeriscono un'adesione convinta alla campagna di vaccinazione - conclude il primo cittadino. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie