Onu, Covid ha fermato progresso sviluppo sostenibile (2)

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 14 GIU - Il Covid-19 ha messo in luce la limitata capacità dei paesi in via di sviluppo a basso reddito (LIDCs) di attingere ai finanziamenti del mercato. Mentre i governi dei paesi ad alto reddito si sono largamente indebitati in risposta alla pandemia, i LIDCs non hanno potuto farlo a causa della loro minore solvibilità di mercato. La principale implicazione nel breve termine del diverso spazio fiscale tra i paesi ad alto e basso reddito è la probabilità che i paesi ricchi si riprendano dalla pandemia più rapidamente dei paesi poveri.
    La Finlandia è al primo posto dell'Sdg Index del 2021, seguita da due paesi nordici: Svezia e Danimarca. Tuttavia, anche la Finlandia e i paesi nordici si trovano di fronte a importanti problemi relativi ai diversi Oss e sono in ritardo nel raggiungimento di tutti gli Oss entro il 2030.
    L'Asia orientale e meridionale ha compiuto più progressi negli Oss rispetto a qualsiasi altra regione, sia dal 2010 che dall'adozione degli obiettivi nel 2015. I tre paesi che hanno compiuto i maggiori progressi nel punteggio dell'Sdg Index dal 2015 sono il Bangladesh, la Costa d'Avorio, e l'Afghanistani. Al contrario, i tre paesi che sono scesi di più nella classifica sono il Venezuela, Tuvalu e il Brasile.
    "Per la prima volta dall'adozione degli Oss nel 2015, nel 2020 il mondo ha indietreggiato - afferma Jeffrey D. Sachs, presidente dell'Sdsn e principale autore del rapporto -. La pandemia di Covid-19 ha creato non solo un'emergenza sanitaria globale, ma anche una crisi dello sviluppo sostenibile. Per ripristinare i progressi verso gli Oss, i paesi in via di sviluppo hanno bisogno di un significativo aumento dello spazio fiscale, attraverso una riforma fiscale globale e un ampliamento del finanziamento da parte delle banche multilaterali di sviluppo. Le spese fiscali dovrebbero sostenere le sei trasformazioni chiave degli Oss istruzione di qualità per tutti, copertura sanitaria universale, energia pulita e industria, agricoltura e gestione del suolo sostenibili, infrastrutture urbane sostenibili e accesso universale alle tecnologie digitali". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA