Carceri: per detenuti Perugia libertà è piatto gourmet

Grazie a cucina progetto "Dietro le sbarre vive la speranza"

Redazione ANSA PERUGIA

(ANSA) - PERUGIA, 20 SET - Il colore della libertà è anche in un piatto gourmet che 17 detenuti del carcere di Capanne, a Perugia, stanno imparando a realizzare grazie al corso di cucina organizzato nell'ambito del progetto "Dietro le sbarre vive la speranza".
    Spadellano, assaggiano, impiattano e sperano in una vita migliore. Lontana dai guai per cui stanno scontando la loro condanna. Il laboratorio sono i fornelli del penitenziario - sezione maschile - dove l'ANSA ha potuto seguire all'opera questa brigata che per qualche ora ha svestito i panni del carcerato e ha indossato quelli del cuoco. A guidarla c'è Catia Ciofo, una degli chef chiamati a tenere il corso per conto della cooperativa "Frontiera lavoro". "Vedere nei loro occhi la gioia di realizzare piatti belli e buoni è qualcosa di molto appagante, ti fa capire che nella vita c'è sempre la possibilità di avere una seconda opportunità e questi ragazzi sentono di poterla cogliere", racconta. "E sono certa - aggiunge - che al termine del corso e quando torneranno ad essere uomini liberi, potranno davvero lavorare in un ristorante, perché le competenze che acquisiscono in questo percorso sono molto buone".
    "L'obiettivo del progetto - spiega il responsabile Luca Verdolini - è proprio quello di consentire agli allievi di intraprendere un percorso di crescita personale e professionale al termine del quale possano ambire ad una collocazione nel mercato del lavoro ordinario".
    Ed esperienze in tal senso già ci sono e qualcuno degli attuali detenuti che frequentano il corso, svela che presto inizierà a lavorare in un locale del centro storico di Perugia, "visto che mi è stata concessa là semilibertà".
    La speranza di una vita diversa da quella fin qui condotta accompagna ogni singolo gesto di ogni singolo detenuto. Chi sogna di voltare pagina e aprire una trattoria con sua moglie e sua figlia è Angelo, originario di Taranto, tornerà ad essere un uomo libero nel luglio del 2030. Federico, invece, è della periferia di Perugia ed ha solo 24 anni. "Prima di sbagliare con la vita - racconta -, facevo il pizzaiolo e il panettiere. La cucina è il mio ambito e in questi anni che mi sono rimasti di carcere voglio studiare e migliorarmi in questo settore, lo devo fare per me stesso, per la mia famiglia e soprattutto per mio figlio che ha 3 anni".
    Vincenzo e Stefano non sono giovanissimi e ad attenderli a casa hanno le rispettive mogli. Probabilmente, quando usciranno, non faranno i cuochi ma sottolineano "l'importanza di restare attivi dentro il carcere, è fondamentale per non dire tutto".
    "Mettere il grembiule e il cappello da cuoco ti fa dimenticare anche di essere qua dentro", dice invece Abdel.
    Chi sembra un po' spaventato dal futuro è Adel, 30 anni algerino: "Qui ogni giorno si impara una cosa nuova, quando esco spero di non sbagliare più".
    Poi arriva il momento di assaggiare i piatti cucinati, ci tengono ad avere un giudizio sul lavoro svolto. Perché dentro quelle polpette c'è il sapore di un domani migliore. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA