Tempo Libero

Sulle tracce di Lupin, la Parigi iconica e contemporanea della serie

Da Chatelet a Louvre i set della produzione Netflix

La Senna al centro di Parigi © Ansa
  • di A.M.
  • 22 giugno 2021
  • 11:39

Parigi è Lupin, il personaggio creato da Maurice Leblanc nel 1905 e che ha avuto decine di adattamenti sin dal 1910 ma tutti con la città al centro. La serie di Netflix, prodotta da Gaumont, hit di ascolti in tutto il mondo con 70 milioni di spettatori, dall'11 giugno al via con 5 episodi dell'attesa seconda parte, è un viaggio immersivo nella capitale francese con set che sono protagonisti al pari di Omar Sy. Parigi continua a tenere la mano di Assane Diop, per così dire, e questo è in parte il motivo per cui lo spettacolo ha così tanto successo: aiuta la storia, una storia ambientata in una città iconica e famosa in tutto il mondo.
Così sulle tracce di Lupin ecco i luoghi iconici della serie che racconta le imprese di un Arsenio Lupin contemporaneo.

Il Théâtre du Châtelet è un posto simbolo con tetti strabilianti con una vista mozzafiato di Parigi. Lì è stato girato il finale. Perchè? "La location del teatro, che è ultracentrale, è decisiva per il resto della storia. È anche un luogo maestoso, pieno di storia, dove le persone vengono ad ascoltare la musica classica - volevamo che le due sinfonie suonate dall'orchestra fossero la musica per la fine della serie e per accompagnare l'azione", dice il regista Hugo Gelin. Lo Châtelet è situato in posizione ideale vicino alla Senna, quindi è stato molto interessante trasformarlo in una via di fuga. Inoltre, è una splendida location che si sposava perfettamente con la natura megalomane dell'antagonista di Assan, Hubert Pellegrini (Hervé Pierre).
Parco Buttes Chaumont: Assane e Juliette si incontrano spesso nel Parco Buttes Chaumont. "Con Omar, siamo molto affezionati a questo parco. Il mio primo giorno sul set con la regia di Hugo Gélin è stato epico! C'era davvero una tempesta perfetta! Abbiamo dovuto resistere, tutti insieme, per girare l'episodio! Inoltre, era il battesimo del fuoco di Hugo che si era appena unito a noi", racconta Clotilde Hesme che interpreta Juliette Pellegrini, un personaggio che nella seconda parte ha una importanza fondamentale.


Il Museo d'Orsay: lì le riprese sono state magiche. Girare dietro l'orologio gigante, circondati da alcune delle opere dei più grandi artisti impressionisti, è stato un vero regalo.
Cosa avevano in mente i produttori e Louis Leterrier per la scenografia?
Si trattava di dare un'immagine insolita di Parigi, tenendosi lontano dalla rappresentazione cliché dei film francesi della città, includendo un tocco di stile moderno pur mantenendo l'aspetto iconico di Parigi, con la sua atmosfera magica e intrigante. Volevamo anche stabilire un contrasto con il mondo sgargiante di Pellegrini filmando le periferie e tuttavia non ritrarle in una luce desolante. Si trattava di mostrare due lati della stessa città, per quanto bui o belli possano essere.


La tana di Assane. Françoise Dupertuis, production designer, racconta: "Quando ho iniziato a parlare con Louis Leterrier, ci siamo resi conto che Assane non poteva avere lo stile di vita di Pellegrini o Claire (Ludivine Sagnier ): aveva bisogno di un posto più strano e segreto dove presumibilmente cambia identità e inventa truffe. È un posto dove può stare in pace, pensare, vestirsi, nascondere il suo bottino. Da lì in poi, abbiamo individuato diverse sezioni: la sezione del bottino, la sezione del laboratorio in cui lavora sui suoi computer per la ricerca, la sezione che lo riporta al passato e a un una sorta di museo, a metà tra astrologia, fisica e biologia. In realtà ho fornito alcuni riferimenti museali agli esploratori, tra cui il Museo di storia medica e il Museo della scuola veterinaria. Questi erano solo indizi e una cosa tira l'altra, abbiamo trovato un posto situato nell'attico di un liceo, all'ultimo piano, che si affacciava su Parigi - si potrebbe presumere che presentasse trappole, passaggi segreti, ecc. Questo posto alimenta l'immaginazione. Ma doveva comunque mantenere un aspetto moderno poiché Assane è molto esperto di tecnologie e computer, mentre si dedica a cose più tradizionali, come il lattice, il travestimento, le protesi. Dovevamo trovare il giusto equilibrio.
Il Louvre: è la scena di apertura della serie. Volevamo qualcosa di moderno. Abbiamo quindi scelto l'ala più contemporanea del museo, tanto più che Pellegrini ha uno stile di vita stravagante e volevamo ritrarre una Parigi più contemporanea. Abbiamo optato per un ambiente più moderno e la vendita all'asta è tanto più intensa in quanto si svolge in un ambiente più moderno e grafico.
Dentro lo Chatelet "Abbiamo lavorato molto nell'area del backstage: abbiamo costruito uno spogliatoio che non c'era e abbiamo completamente rinnovato lo studio di cucito dove si svolge la lotta. La direzione di Châtelet è stata così gentile da farci usare i loro archivi e prestarci abiti che erano stati indossati da attori e cantanti famosi, il che ha dato allo spettacolo un tocco di realismo. Quanto erano importanti quei luoghi nello spettacolo? Sono importanti quanto Arsène Lupin! Servono da catalizzatori e aiutano la narrazione. Sono una testimonianza di quello che sta succedendo, a volte sono evidenziati, a volte sottostimati, ma sono sempre lì. 
La casa abbandonata è uno dei luoghi principali della seconda parte. In origine, nella sceneggiatura era raffigurato come una "casa in stile normanno". Abbiamo pensato di renderlo più unico, più personale in quanto svolge un ruolo importante: si trattava di renderlo un veicolo di immaginazione e atmosfera. La cosa interessante del design di produzione è che può essere in contrasto con ciò che sta accadendo sullo schermo: possono essere fonte di angoscia prima dell'azione. Quindi, si trattava di creare una discrepanza con la situazione reale. Abbiamo stabilito un doppio linguaggio: specchiature, trucchi – che sono parte integrante del mondo di Arsène Lupin –, elementi vegetali e così via. Dice il regista Ludovic Bernard: "Ho cercato un'autentica vecchia casa abbandonata, che alla fine abbiamo trovato, e ho aggiunto teste di cinghiale e cervo alle pareti per creare un'atmosfera agghiacciante simile a Psycho. È qui, in questo macabro ambiente, che i due avversari si affrontano".

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie