Scrambler Ducati, è tempo di Tribute Pro e Urban Motard

Due nuovi modelli protagonisti della della World Première

Redazione ANSA MILANO

Si scrive 'Land of Joy' e si legge Scrambler Ducati, come i modelli protagonisti del secondo episodio della Ducati World Premiére 2022. L'occasione, per la casa di Borgo Panigale è stata quella per presentare a tutti gli appassionati del marchio, i due nuovi modelli Scrambler 1100 Tribute PRO e Scrambler Urban Motard, che vanno ad aggiungersi alla già ricca gamma della 'Land of Joy' per il 2022. Lo Scrambler 1100 Tribute PRO, in particolare, nasce per rendere omaggio alla storia del motore bicilindrico raffreddato ad aria, proprio a cinquant'anni dalla prima introduzione su una Ducati, avvenuto nel 1971.
   

Creato da Scrambler per gli amanti delle moto modern-classic e gli appassionati di storia motociclistica, lo Scrambler 1100 Tribute PRO è anche un omaggio su due ruote alla storia e le imprese della casa di Borgo Panigale. Il Centro Stile Ducati si è ispirato ad alcuni elementi iconici di Ducati degli anni Settanta, a cominciare dalla speciale livrea in colore 'Giallo Ocra', dal logo Ducati dell'epoca disegnato da Giugiaro e dai cerchi a raggi, che nella colorazione nera si integrano con le tonalità della livrea celebrativa.
    Ci sono poi anche gli specchietti retrovisori circolari e una sella marrone con cucitura dedicata. La tecnica è quella della famiglia Scrambler 1100 PRO, con un motore da 1079 cm3 che eroga una potenza di 86 CV. Di serie sono presenti anche tre Riding Mode, associati a diversi Power Mode e differenti livelli di Ducati Traction Control (DTC).
    Le novità in casa Scrambler Ducati non finiscono però qui, visto l'arrivo di un altro modello come lo Scrambler Urban Motard, nato per vivere l'ambiente cittadino tra stile, sportività e divertimento. In questo caso il Centro Stile Ducati si è dedicato ad una nuova livrea che unisce il bianco Star White Silk e il Rosso Ducati GP '19, attraverso una grafica ispirata al mondo della street art e dei graffiti metropolitani.
    Sotto la sella dello Scrambler Urban Motard batte il motore bicilindrico a L da 803 cm3, con distribuzione desmodromica e una potenza di 73 CV, per tutta l'agilità necessaria nel traffico cittadino e il giusto divertimento tra le curve.
    Il richiamo al mondo motard spicca nella scelta di elementi come le ruote a raggi da 17", il parafango anteriore alto, la sella piatta e le tabelle portanumero laterali. Entrambi i nuovi modelli della gamma Scrambler saranno disponibili presso le concessionarie della rete Ducati dal mese di novembre 2021.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie