A Dubai Ducati entra nel mondo off-road con DesertX

Il vice presidente Milicia: 'Completiamo un anno straordinario'

Redazione ANSA DUBAI

È Dubai l'unica location al mondo dove gli appassionati delle due ruote hanno potuto vedere dal vivo e toccare con mano l'ultima arrivata della casa di Borgo Panigale, la Ducati DesertX. Tra le figure istituzionali e delle aziende della Motor Valley dell'Emilia Romagna, e alla presenza del presidente Stefano Bonaccini, il drappo nero che copriva le forme della moto è stato tolto per soddisfare la curiosità dei presenti, in contemporanea con il lancio mondiale con la Ducati World Premiere digitale.

 

 


    "Dopo due anni, Ducati entra questa sera nel mondo dell'off-road ed è pronta ad affrontare il deserto e il fuoristrada", ha annunciato Francesco Milicia, vicepresidente Global Sales di Ducati, prima di svelare la DesertX di fronte al Dubai Opera, ai piedi del Burj Khalifa. "A noi in Ducati piacciono le sfide, per cui abbiamo colto con molto entusiasmo la spinta che abbiamo ricevuto dopo aver presentato nel 2019 il concept di DesertX a Eicma", ha spiegato all'ANSA Milicia. "Ci abbiamo lavorato dietro, abbiamo alla fine realizzato una moto che è un importante salto in avanti rispetto al concept che era stato presentato, con un motore raffreddato a liquido, con tutta una serie di migliorie che vedremo nei prossimi giorni: dalla strumentazione turn-by-turn a evoluzioni nello chassis e nelle sospensioni. E adesso siamo molto contenti perché andiamo a completare quello che è un anno straordinario con quest'ultimo prodotto presentato quest'anno che sarà in vendita a partire da marzo del 2022".
    Per Ducati è stato "un anno molto importante, commercialmente ma non solo", ha sottolineato ancora il vicepresidente Ducati.
    "Commercialmente abbiamo chiuso con risultati molto positivi il terzo trimestre, siamo molto contenti anche di come andremo a chiudere l'anno che sarà un anno straordinario". Il Multistrada V4 "è il modello che sta trainando più di tutti gli altri questa importante crescita commerciale, ma vediamo che è una prestazione distribuita su tutti i modelli" e "anche su tutti i mercati, tra cui citerei sicuramente la Cina, che sta diventando sempre più importante per noi, la Germania in Europa, ma anche tutto questo mondo che ci ospita, ovvero il Medio Oriente. È un'area che sta apprezzando tantissimo il marchio italiano e in particolare le moto prodotte a Borgo Panigale".
    La presentazione di DesertX a Dubai è stata il culmine di un pomeriggio che a Dubai ha voluto celebrare le eccellenze della Motor Valley in Emilia Romagna. "Probabilmente la Ducati deve questi risultati positivi anche al contesto particolare in cui si colloca", ha detto il vicepresidente Global Sales di Ducati.
    "La Motor Valley è un unicum in cui a distanza di poche decine di chilometri sono racchiuse Ferrari, Ducati, Lamborghini, Maserati, Pagani e così via, ma non solo. Ci sono dei circuiti, Imola e Misano per citarne alcuni, che evocano la magia e il fascino del mondo delle corse, e soprattutto ci sono anche un'università e una scuola secondaria che avviano tutte le risorse, i giovani appassionati dei motori endotermici e elettrici, ora possiamo dire, verso il mondo delle due e quattro ruote ad alte prestazioni". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie