Francesco Profumo nel Consiglio Europeo dell'Innovazione

Unico italiani fra i 20 componenti

Redazione ANSA

L'italiano Francesco Profumo è entrato a far parte del comitato direttivo del Consiglio Europeo per l'Innovazione (Eic). Lo rende noto sul suo sito lo stesso Eic, il cui compito è identificare, sviluppare e potenziare tecnologie innovative e dalla portata rivoluzionaria. Attuale presidente della Fondazione Compagnia di San Paolo, Profumo è stato presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) nel 2011 e nello stesso anno ministro per l'Istruzione, l'Università e la Ricerca.

Messa, auguri a Francesco Profumo
"A Francesco Profumo, nuovo membro del board del Consiglio europeo per l'innovazione (Eic), vanno le mie congratulazioni e i migliori auguri di buon lavoro per questo prestigioso incarico". Così il ministro dell'Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa, sulla nomina, da parte della Commissione Europea, di Francesco Profumo nel direttivo dell'organo europeo istituito per supportare l'innovazione di punta, il trasferimento tecnologico e il finanziamento e allo sviluppo di start-up e piccole medie imprese.

"Si tratta di un riconoscimento importante anche per l'Italia, che ha l'ambizione di continuare a essere una guida strategica nella definizione delle politiche europee sul settore della Ricerca e dell'innovazione", rileva il ministro Messa.

"Il Consiglio europeo per l'innovazione, dato il momento storico, credo assumerà nei prossimi anni un ruolo sempre più centrale, operando in parallelo con l'European Research Council e con l' European Institute of Innovation & Technology per sostenere la crescita di ecosistemi innovativi, spin off e start up, in grado di garantire la sovranità europea nei nuovi settori tecnologici e, soprattutto, il futuro dei giovani".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA