Cibus: Confeuro, record cibo ma coltivatori poco tutelati

Più aggregazione per più peso negoziale in contrattazione prezzi

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 01 SET - Senza i coltivatori l'agroalimentare non esisterebbe eppure resta la componente meno tutelata e meno forte di tutta la filiera. Lo fa sapere il presidente nazionale Confeuro, Andrea Michele Tiso, a proposito dei 50 miliardi di export annunciati a Cibus per fine anno. "Il contributo dei produttori è stato fondamentale e anche a loro va riconosciuto il giusto merito per questo risultato", precisa Tiso, nel sottolineare però come la grande distribuzione organizzata parta spesso da una posizione di forza rispetto ai produttori che le permette di dettare le regole".

Secondo il presidente "una filiera di produzione può garantire buoni risultati nel medio e lungo periodo se ad ogni suo anello sono riconosciuti il giusto ruolo e un'equa remunerazione, in caso contrario, il vantaggio di alcuni va a ripercuotersi sull'intero meccanismo minandone alla lunga l'efficienza". Per riequilibrare il sistema, secondo Tiso, è necessario favorire l'aggregazione dei coltivatori in organizzazioni di produttori, accrescendo così il loro peso negoziale nella fase di contrattazione dei prezzi. Nell'Unione europea gli agricoltori sono circa 11 milioni, molti dei quali lavorano in aziende familiari, mentre vi è una concentrazione molto più elevata tra i trasformatori e i dettaglianti. "Come riconosce la stessa Commissione europea - conclude Tiso - questa asimmetria nelle posizioni negoziali rende difficile per gli agricoltori difendere i loro interessi nelle trattative con gli altri operatori della catena di approvvigionamento". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie