Halloween, export di zucche italiane vale 38 milioni di euro

Primo produttore la Lombardia con il 25% di superficie nazionale

Redazione ANSA ROMA

Generano circa 38 milioni di euro di export le zucche per l'Italia, prodotto che torna ad essere protagonista a pochi giorni della notte di Halloween, festa in programma il 31 di ottobre e nata nei Paesi anglosassoni dalle forme macabre e commerciali con la formula ricattatoria "dolcetto o scherzetto" e con il rituale delle zucche intagliate ed illuminate. La ricorrenza è diffusa nel mondo e anche nella penisola.

L'Italia, secondo dati elaborati da Packlink, piattaforma per confrontare e prenotare servizi di spedizione pacchi per privati e aziende, elaborati in parte su fonte Istat e in parte su propria banca dati, è all'ottavo posto per esportazione di zucche al mondo. Delica, Butternut, Violina, Hokkaido, fino alla zucca mini sono invece le varietà più prodotte e apprezzate in Italia. Nella penisola sono circa 2000 gli ettari di terreno dedicati alla coltivazione di zucche. Il primato di maggior produttore spetta alla Lombardia, con circa il 25% della superficie nazionale, seguita da Emilia Romagna e Veneto.

La produzione, per la quasi totalità, è destinata al consumo alimentare, anche se cresce la coltivazione di varietà di zucche a scopi ornamentali o da "competizione". A livello di Unione europea sono quasi 25000 gli ettari dedicati alla coltivazione di zucca, che generano esportazioni annue pari a circa un 22000 tonnellate di zucche, con una crescita del +64% negli ultimi 10 anni. Tra i principali produttori ci sono Francia (129400 tonnellate) e Spagna (129100 tonnellate). La festa di Halloween muove in Italia - sostengono gli addetti ai lavori - un giro d'affari compreso tra i 275 milioni di euro spesi per decorazioni, maschere, caramelle e zucche in tempi pre-covid, e i 50 milioni dei festeggiamenti domestici dello scorso anno.

(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie