Gagnarli (M5s): 3,5 mln alla birra italiana

Sostegno aiuta settore che ha avuto crollo fatturato del 90%

Redazione ANSA ROMA

ROMA - "È in dirittura d'arrivo il provvedimento di sostegno che abbiamo previsto nella scorsa Legge di Bilancio per il comparto brassicolo. Il decreto attuativo del ministero delle Politiche agricole, infatti, destina alla filiera 3,5 milioni di euro con tre differenti linee di intervento. Aiutiamo con 200 euro a ettaro, fino a 50 ettari, le imprese che coltivano orzo distico certificato in contratti di filiera almeno triennali e con 300 euro chi coltiva luppolo, fino a massimo 5 ettari, per un totale complessivo di 1,5 milioni di euro. Un ulteriore milione di euro è dedicato alle imprese che investono sul post raccolta del luppolo e in impianti di essiccazione, di macinatura pellettizzazione e confezionamento in atmosfera modificata conforme agli standard di qualità del mercato. Infine, sosteniamo progetti di ricerca che forniscono l'implementazione di prodotti territoriali e varietà nazionali, anche tramite lo studio di strumenti per l'analisi della qualità e dei diversi ceppi, relativamente a luppolo, cereali da malto, orzo distico ed emergenti, per birrificazione, lieviti di birra".

E' quanto afferma la deputata Chiara Gagnarli, capogruppo M5s in commissione Agricoltura, a seguito dell'intesa raggiunta in Conferenza Stato-Regioni in merito al Decreto Filiere Minori, per cui sono stati stanziati 10 milioni di euro nella Legge di Bilancio 2021. Gagnarli aggiunge che per "presentare domanda si dovrà attendere la circolare esplicativa di Agea, l'ente per le erogazioni in agricoltura del Mipaaf e gestore della norma, da emanare entro 30 giorni dall'entrata in vigore del decreto". La deputata conclude sottolineando che in questo modo si aiuta "uno dei settori maggiormente colpiti dalla pandemia con un crollo del fatturato del 90% che ha coinvolto i 900 microbirrifici del Paese". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie