Cop27: l'appello del World Food Programme

Tre punti sui quali i grandi del mondo dovrebbero riflettere

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 15 NOV - Il World Food Programme lancia un appello ai grandi del mondo riuniti a Sharm El Sheik in Egitto per la Cop27 "ad agire con urgenza per sostenere coloro che si trovano coinvolti in prima linea nell'emergenza climatica".

In particolare, l'invito è a tenere in considerazione tre grandi temi sui quali "sarebbe giusto aprire una riflessione".

Prima di tutto occorre "potenziare la capacità di adattamento al cambiamento climatico per far fronte a perdite e danni". "I Paesi che storicamente hanno contribuito meno alla crisi climatica si trovano oggi - scrive il Wfp - ad affrontare il suo peggiore impatto, dando luogo ad una forte ingiustizia climatica".

Secondo: si dovrebbe "investire nell'azione climatica in contesti fragili". "I luoghi più colpiti dagli impatti climatici - spiega ancora l'organizzazione dell'Onu vincitrice del premio Nobel per la pace nel 2020 - sono spesso anche interessati dai conflitti, dall'aumento dei prezzi dei beni alimentari e da forti disuguaglianze socioeconomiche. Queste comunità hanno bisogno di maggiore sostegno eppure non ne ricevono abbastanza".

Terzo suggerimento: si dovrebbe "promuovere la transizione dei sistemi alimentari verso un modello sostenibile". I sistemi che permettono al cibo di giungere sulle nostre tavole non sono equi né sostenibili. A fianco dei sistemi energetici, inoltre, sono i principali responsabili del riscaldamento globale. Allo stesso tempo i sistemi alimentari, dalla produzione al consumo, sono messi a dura prova dagli effetti dirompenti del cambiaento climatico". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie