Filiera Italia,dopo gas Ue cambi anche su agroalimentare

Scordamaglia,settore 'peacemaker' per tenuta sociale globale

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Bene la task force della Commissione che prova a superare le mancate risposte della Ue, su approccio unitario alla crisi energetica" ma ora "il cambio di passo si estenda all'agroalimentare, 'peacemaker' per la tenuta sociale globale, posticipando l'entrata in vigore di una Pac del tutto inadatta alla situazione di insicurezza alimentare globale ed una 'Farm to fork' che se gestita irrazionalmente aggraverà seriamente il problema". Così in una nota il consigliere delegato di Filiera Italia, Luigi Scordamaglia sottolineando la necessit di "superare le incongruenze burocratiche della Commissione come quelle che prevedono di coltivare 200.000 ettari di terreni mantenuti improduttivi da rimettere in produzione, ma solo per un anno, o quelle che prevedono incentivi al fotovoltaico sui tetti, ma limitate solo all'autoconsumo".

"Si cambi subito passo o i danni saranno irreparabili, sia in termini di ondate migratorie da Paesi lasciati senza beni essenziali alimentari - conclude Scordamaglia - sia in termini di coesione sociale nel nostro Paese, messa a rischio dagli ulteriori aumenti in arrivo sui prodotti alimentari nei prossimi mesi. Non è più tempo di compromessi formali, le imprese agricole ed alimentari stanno chiudendo". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie