Siccità: api in crisi, fioriture lampo, miele -50%

Allarme apicoltore Abruzzo, caldo appassisce fiori

Redazione ANSA TORNARECCIO
(ANSA) - TORNARECCIO, 24 GIU - "A causa del caldo improvviso, in Abruzzo la produzione di miele, negli ultimi cinque anni è scesa del 50%", lancia l'allarme il comparto degli apicoltori.

"Le fioriture sono passate da 15/20 giorni a 7 giorni. I fiori sbocciano troppo presto, ma appassiscono in fretta, perché le temperature troppo alte bruciare le piante. A ciò si aggiunge il fenomeno della sovrapposizione delle fioriture. Le api, dunque, non fanno in tempo a raccogliere tutto il polline prodotto, che viene disperso", così Luca Finocchio apicoltore nomade di Tornareccio, in provincia di Chieti, patria del miele. "Con le fioriture contemporanee di Acacia, Coriandolo ed altre noi non facciamo più in tempo a spostare le arnie in tutte le zone.

Facciamo più fatica degli anni passati e il guadagno è sceso alla metà. Complice anche il caro carburante e aumento dei prezzi dei prodotti utile alla produzione come vasetti e coperchi. La perdita del polline porta un danno gravissimo all'ambiente perchè la produzione dei prodotti (miele, pappa reale, propoli e cera) è solo il 17% del lavoro delle api, la rimanete parte della loro attività è l'impollinazione di piante da fiore e frutto dell'intero ecosistema. Il caldo sta uccidendo l'economia e biodiversità agricola regionale", conclude Finocchio. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie