Galleria dell'Accademia di Firenze riparte con nuovo sito web

Portale innovativo con visite in realtà virtuale, podcast, focus

Redazione ANSA FIRENZE

FIRENZE - Dalla musica al teatro, dalle visite virtuali a 360 gradi ai format didattici, dalle spiegazioni degli esperti ai podcast: la Galleria dell'Accademia di Firenze, scrigno col David di Michelangelo, riparte presentando il nuovo portale web che racchiude tutte le esperienze digitali sperimentate nei mesi di chiusura per Covid. Il nuovo sito, 'Accademia Online', che sarà attivo da venerdì 18 giugno, offre un variegato palinsesto di contenuti digitali tra i più ricchi e innovativi per un unico museo in Italia.

"Con il nuovo sito - spiega la direttrice Cecilie Hollberg - proponiamo tantissimi format diversi, che abbiamo inventato durante la pandemia, e abbiamo deciso di offrirli tutti insieme su un unico sito dedicato ai capolavori del passato, ma che è finalmente proiettato nel futuro. Questo rientra nel grandissimo lavoro di ammodernamento vissuto quest'anno, che stiamo portando avanti con i cantieri e che, entro la fine di dicembre, porterà la Galleria dell'Accademia nel 21/o secolo". Il museo fiorentino ha usato i mesi di chiusura forzata anche per fare interventi di ristrutturazione e consolidamento dell'edificio, monitoraggio e restauro dei capolavori e ammodernamento degli impianti offrendo, alla riapertura, anche nuovi percorsi e allestimenti. Tra le novità, dunque, anche il lancio del nuovo portale che racchiude i format innovativi messi in campo durante la pandemia. "Fare il nuovo sito - spiega ancora Hollberg - era una necessità assoluta perché abbiamo tantissimi contributi innovativi da offrire. Proponiamo una nuova Galleria digitale, un sito in cui perdersi per ore e approfondire la conoscenza dei nostri capolavori. E lo scopo è anche quello di offrire la possibilità di vedere tanti contenuti in tutto il mondo per spingere i visitatori a programmare un viaggio per venire a vedere le opere originali".

E in tanti, spiega ancora la direttrice, hanno già approfittato delle riaperture per godersi la vista del David di Michelangelo e degli altri capolavori. "Abbiamo tantissimi visitatori - spiega - e presto aumenteremo le compresenze all'interno del museo. Il pubblico è stato fin dal primo giorno entusiasta. I fiorentini si sono riappropriati del loro museo e sono felici, ma sono tornati anche gli stranieri: la prima visitatrice a maggio veniva da Marsiglia. Quest'estate ovviamente non ci saranno le folle del passato, ma è il momento giusto per godersi la cultura con più calma e attenzione". Per festeggiare la riapertura del museo e il lancio del nuovo sito, è stato anche presentato un cortometraggio musicale inedito scritto dal compositore e regista Giorgio Ferrero per quattro strumenti antichi appartenenti o ispirati alla collezione di strumenti musicali esposta nella Galleria dell'Accademia.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie