Emilia-Romagna

Confindustria E-R, pandemia non ha paralizzato le aziende

Nel 2020 l'87% ha fatto investimenti pari al 6,6% del fatturato

La crisi causata dalla pandemia non ha paralizzato l'economia regionale con le imprese che, nel 2020 hanno fatto investimenti pari al 6% del fatturato concentrati, principalmente, su aspetti di natura organizzativa e gestionale, quindi nel campo dell'Ict (il 51,9%) e della formazione (48,8%). E' quanto emerge dai risultati dell'Indagine sugli investimenti delle imprese industriali dell'Emilia-Romagna condotta da Confindustria Emilia-Romagna, giunta alla 22/a edizione e che ha coinvolto 450 imprese con un giro d'affari di 16,5 miliardi di euro e 51.000 addetti.
    Le aziende emiliano-romagnole hanno investito il 6,6% del proprio fatturato e, rispetto a 10 anni fa, è triplicata la percentuale di realtà che hanno investito in sviluppo sostenibile: nel 2010 era il 20%, nel 2020 il 58% delle imprese ha realizzato investimenti di sostenibilità ambientale e sociale. Investimenti sono stati fatti dall'87% delle aziende.
    "La pandemia non ha paralizzato l'economia regionale − ha osservato presentando l'indagine il presidente di Confindustria Emilia-Romagna, Pietro Ferrari − e le imprese hanno continuato ad investire, con una chiara traiettoria di evoluzione verso una sempre maggiore sostenibilità. Una scelta - ha aggiunto - che sta entrando sempre più strutturalmente nelle strategie di crescita delle aziende, a prescindere dalla dimensione. La veloce ripartenza di metà 2020, dopo i fermi produttivi della primavera, è stata la conferma di una manifattura resistente e attrezzata a gestire situazioni di forte criticità". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Aeroporto di Bologna



        Modifica consenso Cookie