Emilia-Romagna
  1. ANSA.it
  2. Emilia-Romagna
  3. Camera Penale Bologna: 'lunedì stop a processi 7 minuti'

Camera Penale Bologna: 'lunedì stop a processi 7 minuti'

Lo ha scritto agli avvocati il giudice che aveva deciso misura

(ANSA) - BOLOGNA, 13 FEB - Domani nelle aule del Tribunale penale a Bologna, non si terranno processi da sette minuti. E' quanto ha comunicato al Consiglio Direttivo della Camera Penale di Bologna 'Franco Bricola', il giudice della seconda sezione Marino Barbensi che, nei giorni scorsi, aveva avvisato in anticipo l'Ordine degli Avvocati e spiegato che il numero di procedimenti in programma nel giorno di San Valentino lo avrebbe costretto a dedicare a ciascuno di questi non più di sette minuti. "In accoglimento delle istanze degli organi della locale avvocatura - ha invece scritto il giudice alla Camera Penale di Bologna - comunico che lunedì 14 febbraio non limiterò il tempo di trattazione dei processi, ma che in ragione di ciò non sono in grado di dare garanzie sugli orari in quanto i processi in ruolo sono 67. Cordialità".

   Alla luce delle parole inviate dal magistrato, viene spiegato in una nota dal presidente della Camera Penale di Bologna, Roberto d'Errico e dal segretario, Chiara Rodio, "riteniamo doveroso ringraziare il dottor Barbensi per la costante interlocuzione con l'avvocatura in ordine alla gestione delle sue udienze, evidentemente finalizzata a ottimizzare i tempi della nostra attività professionale, evitando lunghe ed inutili attese fuori dall'aula d'udienza in un periodo peraltro climaticamente sfavorevole. Parimenti - viene aggiunto - riteniamo importante e lodevole che si sia inteso precisare che non vi saranno limitazioni temporali alla trattazione dei processi, che risultano ictu oculi inammissibili sol che si consideri la peculiarità di ogni singolo processo, che può richiedere tempi di definizione, anche per le sole questioni preliminari, ben diversi".

   Ad ogni modo, viene sottolineato ancora nella nota, "è questa l'occasione per ribadire quanto da sempre la Camera penale di Bologna sostiene, ovvero che tali problematiche, segnalate anche dal dottor Barbensi, dipendono da una scelta che sta a monte, che riguarda l'organizzazione dei ruoli d'udienza". quindi, viene osservato, "è certamente apprezzabile lo sforzo di prevedere uno scaglionamento orario dei processi, così da consentire una più ordinata e razionale gestione della giornata d'udienza ma questo scaglionamento rischia di perdere tutta la sua utilità laddove si consenta la fissazione di un numero evidentemente sproporzionato di processi rispetto ai tempi necessari per poterli poi svolgere con la dovuta attenzione e il necessario approfondimento, e ciò sia per il Giudice che per le parti". Anche perché, viene evidenziato, "le esigenze di efficienza della macchina giudiziaria, con le condivisibili ragioni connesse alla necessità di garantire la ragionevole durata dei processi, non possono mai andare a detrimento dei diritti e delle garanzie dei cittadini, con cui devono invece trovare un virtuoso punto di equilibrio, che riteniamo si possa raggiungere solo con la previsione di ruoli razionalmente proporzionati ai tempi ed alle risorse in campo. Solo così - viene argomentato - si potrà avere una Giustizia che guardi alle persone non come semplici pezzi di una catena di montaggio. Solo così si potrà avere una difesa libera e dignitosa, non mortificata dalla ossessione di una tempistica predeterminata per il suo pieno e corretto esercizio, così come la Costituzione impone. Si farà qualche processo in meno - è la chiosa della Camera Penale di Bologna - ma si farà meglio. Per tutti".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Aeroporto di Bologna



        Modifica consenso Cookie