Parlamento europeo, avanti sul Cielo unico europeo

Marinescu (Ppe), stop a nazionalismo dell'aviazione

Redazione ANSA

BRUXELLES - Ridurre la frammentazione nella gestione dello spazio aereo europeo, ottimizzare le rotte di volo e ridurre i costi e le emissioni di Co2 nel settore dell'aviazione; questo l'obiettivo del mandato negoziale sulla riforma delle regole del Cielo unico europeo approvato oggi alla commissione trasporti del Parlamento europeo con 39 voti favorevoli, 7 contrari e 2 astensioni.

Per incentivare la concorrenza tra i controllori del traffico aereo, il testo suggerisce "che uno o un gruppo di Stati membri possa scegliere i fornitori dei servizi di traffico aereo attraverso una gara d'appalto, a meno che ciò non comporti inefficienza in termini di costi, perdite operative, climatiche o ambientali o inferiori condizioni di lavoro".

"L'attuale architettura dello spazio aereo europeo è costruita secondo i confini nazionali. Questo nazionalismo dell'aviazione significa voli più lunghi, più ritardi, costi aggiuntivi per i passeggeri, maggiori emissioni e più inquinamento. Con un vero cielo unico europeo e un sistema europeo di gestione dell'aria unificato, creeremo una nuova architettura dello spazio aereo basata non sui confini ma sull'efficienza", così il relatore del testo, l'eurodeputato rumeno Marian-Jean Marinescu (Ppe).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie