Percorso:ANSA > Legalità > Campania > A Napoli la mostra Ansa-Miur su Falcone e Borsellino

A Napoli la mostra Ansa-Miur su Falcone e Borsellino

Taglio nastro con autista sopravvissuto e studentessa

25 gennaio, 14:27

(ANSA) - NAPOLI, 25 GEN - Portare la legalità e il significato della lotta alle mafie nelle scuole: questo l'obiettivo della mostra fotografica itinerante "L'eredità di Falcone e Borsellino", realizzata dall'Ansa e dal Miur, inaugurata nell'istituto Sannino-Petriccione nel quartiere Ponticelli di Napoli. A tagliare il nastro, dopo l'introduzione del dirigente scolastico Paolo Pisciotta, sono stati una studentessa del IV anno, Rebecca Lombardi, e Giuseppe Costanza, l'autista di Giovanni Falcone, sopravvissuto alla strage di Capaci in cui persero la vita anche Francesca Morvillo, compagna di Falcone, e tre uomini della scorta. Presenti anche il presidente emerito della Corte d'Appello di Napoli, Antonio Buonajuto, alcuni componenti del tavolo tecnico per la promozione della cultura della legalità e della corresponsabilità dell'Usr Campania, e Serena Cecconi, responsabile della mostra. In esposizione 150 fotografie e 26 pannelli che raccontano la storia dei due magistrati uccisi dalla mafia, dall'adolescenza, al maxi processo, fino alle stragi del '92 di Capaci e via D'Amelio. A fare da guida saranno gli stessi studenti dell'istituto, che i docenti hanno preparato per rispondere alle domande dei visitatori: saranno loro, infatti, ad illustrare le vicende raffigurate in quelle immagini ai loro "colleghi" delle altre scuole napoletane che già da domani si avvicenderanno per ammirare l'esposizione e conoscere le figure dei due magistrati siciliani. "Questa scuola ha già una storia di legalità alle spalle, - ha detto Paolo Pisciotta, preside dell'istituto che ricorda Davide Sannino, giovane vittima innocente della camorra - abbiamo avuto la visita del presidente della Repubblica, il 28 settembre del 2015, e oggi abbiamo inaugurato questa mostra su Falcone e Borsellino, che si affianca al nostro lavoro. Il nostro istituto rappresenta un presidio di legalità in questo quartiere", ha ricordato Pisciotta. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA