Percorso:ANSA > Legalità > Liguria > Smantellato gruppo cybercriminali,in azione polizie 31 Paesi

Smantellato gruppo cybercriminali,in azione polizie 31 Paesi

'Avalanche', coinvolti 500mila computer infetti ogni giorno

01 dicembre, 16:00
(ANSA) - ROMA, 1 DIC - La Polizia postale ha preso parte ad una vasta operazione internazionale di contrasto al crimine informatico coordinata da Europol ed Interpol, che ha visto impegnate, oltre all'Fbi, anche le polizie informatiche di altri 30 Paesi dei cinque continenti. L'operazione, nome in codice 'Avalanche' ('Valanga'), ha portato allo smantellamento di un'organizzazione criminale internazionale che gestiva una piattaforma ingegnerizzata allo scopo di lanciare attacchi massivi a livello globale tramite malware (codici malevoli) e per campagne di reclutamento dei cosiddetti 'money mules' (corrieri di denaro), che ha causato perdite monetarie stimate nell'ordine di svariate centinaia di milioni di euro in tutto il mondo. Si è calcolato che ogni giorno la rete 'Avalanche' abbia coinvolto oltre 500.000 computer infetti in tutto il mondo. Più di 800mila i domini sequestrati o bloccati.

Per garantire la massima efficacia sullo scenario operativo internazionale, Europol ha allestito una sala operativa nella sua sede dell'Aia, in Olanda, presso la quale i Paesi partecipanti all'operazione hanno distaccato propri rappresentanti, che a loro volta hanno assicurato lo scambio info-operativo h24 con il quartier generale dell'amministrazione di appartenenza. Tra di essi anche gli investigatori del Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche (C.N.A.I.P.I.C.) del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni.

"Da tempo - ha detto Roberto Di Legami, direttore della Polizia postale - sosteniamo che la risposta al cybercrime non può che passare attraverso il partenariato e la collaborazione internazionale. L'odierna operazione ne rappresenta la conferma più evidente. Solo una perfetta sintonia tra le polizie cibernetiche di così tanti Paesi poteva portare ad una operazione così complessa, che ha visto 39 server sequestrati ed altri 221 inibiti contestualmente in 30 Paesi diversi, in quanto compromessi". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA