Percorso:ANSA > Legalità > I Beni Ritrovati > Beni confiscati, Regione Sicilia vuole Clinica Villa Teresa

Beni confiscati, Regione Sicilia vuole Clinica Villa Teresa

A 14 anni da confisca per mafia. 25-28 mln sul tappeto

03 gennaio, 17:06
(ANSA) - PALERMO, 3 GEN - A 14 anni dalla confisca per mafia, la Regione vuole acquistare la clinica Villa Teresa di Bagheria. Il gioiello della Radiodiagnostica e dell'Oncologia privata siciliana, scrive Repubblica Palermo, era un polo d'eccellenza capace di drenare rimborsi pubblici fino a dieci volte superiori rispetto al tariffario regionale. Dopo l'arresto e la condanna per mafia del suo fondatore, il ras della sanità privata Michele Aiello, è diventata il simbolo dello spreco e della malapolitica che va a braccetto con l'imprenditoria mafiosa. Per acquistare l'intero immobile la Regione mette sul tappeto tra i 25 e i 28 milioni di euro. La trattativa con l'Agenzia dei Beni confiscati è alle battute finali. A luglio l'assessore alla Salute, Baldo Gucciardi, ha presentato la manifestazione di interesse per l'acquisto. La settimana scorsa, durante un incontro in prefettura, è stato segnato il percorso che dovrebbe far diventare pubblica la struttura che da quasi 5 anni ospita anche il centro ortopedico gestito dal Rizzoli di Bologna.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA