Percorso:ANSA > Legalità > Educare alla Legalità > Progetto Miur-Ansa, no stereotipi genere

Progetto Miur-Ansa, no stereotipi genere

Presentato nel napoletano,giovani 'investigatori' e protagonisti

08 aprile, 18:29

(NAPOLI) - Videoclip, trasmissioni radio, articoli, dirette streaming e ricerche contro gli stereotipi di genere nei media, realizzati dai ragazzi delle scuole superiori.
E' quanto prevede un progetto finanziato dal Ministero dell'Istruzione, presentato nell'istituto statale per l'istruzione superiore (Isis) di Pomigliano d'Arco (Napoli), una delle quattro scuole italiane che ha vinto il bando nel quale sono coinvolti tutti i massimi organismi istituzionali, oltre che associazioni, cooperative editoriali e l'Agenzia Ansa.
"Saranno i giovani i veri protagonisti del progetto - ha spiegato la dirigente scolastica Rosanna Genni - e gli studenti dovranno essere degli 'investigatori', cosi' come lo sono i giornalisti che li guideranno in questo percorso formativo".
Genni ha anche sottolineato come l'istituto professionale e commerciale da lei diretto, partecipi a decine di bandi e concorsi, aggiudicandosene un'alta percentuale, con i quali si procede alla formazione degli studenti, circa 1300.
Presenti all'incontro con le tre classi quarte coinvolte nel progetto, anche il responsabile di redazione di Ansa Napoli, Angelo Cerulo, il direttore del giornale network Radio Jeans, Lidia Gattini, della Madragola editrice, ed il responsabile del progetto a scuola, il professor Roberto Castaldo.
"L'Ansa - ha spiegato Cerulo, sottolineando anche l'importanza di una corretta e veritiera informazione - creera' un mini sito dedicato al progetto per un'educazione alla parita' tra i sessi. Inoltre sara' attivato un focus particolare, ed i migliori progetti dei ragazzi saranno pubblicati sul mini sito e sul canale 'Legalita' e scuola'. I ragazzi saranno coinvolti anche in un forum presso la propria sede storica in via della Dataria a Roma".
La cooperativa editoriale Mandragola, invece, mettera' a disposizione degli studenti i propri giornali 'Zai.net' e 'Radio Jeans', dove gli studenti potranno pubblicare i propri lavori radiofonici, articoli, video e quant'altro, per "cercare - ha detto Gattini - smontare e fare nuove proposte al posto degli stereotipi di genere che si incontrano ogni giorno anche su riviste e pubblicita'. Queste ultime contengono ancora molti stereotipi sessisti, e quello che vi invitiamo a fare non e' solo cercarli, ma anche dare delle proposte per superarli".(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA