Percorso:ANSA > Legalità > Educare alla Legalità > Lavoro: Furlan, priorità impegno su giovani

Lavoro: Furlan, priorità impegno su giovani

Dopo iniziativa a Portella della Ginestra di ieri

02 maggio, 13:28

- ROMA  - "E' stato un Primo Maggio di protesta quello di ieri, ma anche di proposte serie da parte dei sindacati confederali su come affrontare il grave problema della mancanza di lavoro, in particolare dei giovani nel nostro paese". E' quanto afferma in una nota la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, all'indomani della manifestazione sindacale di Portella della Ginestra. "Come ha sottolineato ieri, ancora una volta con molta saggezza, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, bisogna rispondere con interventi urgenti e concreti al senso di frustrazione e solitudine dei nostri giovani, assumendo il tema del lavoro, della sua stabilità e della sua sicurezza come la vera priorità del paese.
Il lavoro è strettamente legato alla democrazia ed al suo sviluppo. Se non rispondiamo a questa grande emergenza sociale, la crisi rischia di contagiare le stesse istituzioni rappresentative. Ecco perchè come giustamente ha ricordato il Presidente Mattarella tutti dobbiamo sentire il compito di fare di più. Occorre il massimo di coesione sociale, di concertazione e condivisione responsabile sulle scelte urgenti da assumere. Ed in questo senso la grande partecipazione dei lavoratori alle manifestazioni pacifiche di ieri del sindacato, a partire da quella nazionale di Portella della Ginestra, è stata una risposta chiara anche a chi sogna una società senza momenti di mediazione sociale, a chi invita, sull'onda di un populismo disfattista, a sbarazzarsi del sindacato, a tutelarsi da soli, promettendo fantomatici redditi di cittadinanza anche senza lavorare. Il sindacato confederale sono i lavoratori che si organizzano e si dotano di una loro autonoma rappresentanza. Il ruolo dei corpi intermedi è fondamentale per il governo delle società complesse. Cancellare il sindacato significa solo illudere i lavoratori, aumentare le diseguaglianze sociali, far prevalere ancora di più forti sui deboli".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA