Percorso:ANSA > Legalità > Ora d'Aria > Italiano morì in carcere messicano, sei condanne a Lecce

Italiano morì in carcere messicano, sei condanne a Lecce

Pena di 25 anni a giudice e a vicedirettore carcere. Due assolti

15 dicembre, 17:48
(ANSA) - LECCE, 15 DIC - Sei condanne per omicidio volontario - a pene comprese tra i 21 e i 25 anni di reclusione - e due assoluzioni al termine del processo in Corte d'assise, a Lecce, agli otto imputati accusati della morte di Simone Renda, il giovane turista leccese morto il 3 marzo 2007 in un carcere messicano di Playa del Carmen.

Gli imputati erano tutti funzionari dello Stato messicano, giudici qualificatori, poliziotti e dirigenti del carcere. Le condanne più alte, a 25 anni, sono state inflitte dai giudici della Corte d'Assise di Lecce (presidente Roberto Tanisi) al giudice qualificatore Hermilla Gonzales e al vice direttore del carcere Pedro May Balam.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA