Percorso:ANSA > Legalità > Ora d'Aria > Carceri:abusa compagno cella per settimane,inchiesta a Prato

Carceri:abusa compagno cella per settimane,inchiesta a Prato

Vittima è a sua volta detenuto per violenza sessuale in famiglia

08 febbraio, 14:11
(ANSA) - PRATO, 8 FEB - Un detenuto marocchino di 44 anni del carcere della "Dogaia" di Prato ha ricevuto un ordine di custodia cautelare per aver reiteratamente abusato sessualmente del suo compagno di cella, un cinese di 35 anni. Per quest'ultimo è stato chiesto lo spostamento nel carcere di Sollicciano in modalità di protezione. L'indagine è scattata nei giorni scorsi dopo la denuncia della vittima, che era in carcere proprio perché accusato di violenza sessuale sui suoi figli.

Secondo quanto ricostruito dal magistrato Antonio Sangermano, titolare dell'indagine, il marocchino avrebbe violentato il compagno di cella ogni giorno per un intero mese. Le violenze avvenivano attorno all'ora della cena, quando il braccio del carcere dove insiste la cella poteva essere sorvegliato da un solo agente della polizia penitenziaria. Interrogato dal magistrato il marocchino, in carcere per un cumulo di pene, ha ammesso la circostanza dei rapporti sessuali. "E' una circostanza che deve far riflettere su ciò che accade in carcere. Abbiamo avuto la massima collaborazione degli agenti - ha spiegato il procuratore capo Giuseppe Nicolosi - tuttavia non possiamo che osservare che il carcere dovrebbe essere luogo di rieducazione. Fortunatamente l'omertà che insiste nelle case di custodia, in questa circostanza, è stata sorpassata: siamo riusciti a sfondare il muro del silenzio e alcuni detenuti hanno collaborato aiutandoci a stabilire la verità e ad intervenire". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA