Percorso:ANSA > Legalità > Pizzo? No Grazie > Mafia: testimone giustizia, legge ci restituisce dignità

Mafia: testimone giustizia, legge ci restituisce dignità

Testo arrivato in Aula. Appello a ministro Madia, ci dia lavoro

28 febbraio, 17:24
(ANSA) - ROMA, 28 FEB - "Ringrazio pubblicamente il deputato Davide Mattiello presidente V comitato dell'Antimafia dedicato ai testimoni di giustizia e alle vittime di mafia e promotore della proposta di legge 3500 sui testimoni di giustizia. Un testo che una volta diventato legge restituisce dignità ai testimoni di giustizia". Lo scrive Gennaro Ciliberto, 44 anni, che è stato responsabile della sicurezza nei cantieri di una ditta realizzatrice della costruzione e della manutenzione di varie opere autostradali in subappalto, ha denunciato corruzione nell'aggiudicazione di lavori, infiltrazioni mafiose ed anomalie costruttive ed è testimone di giustizia.

"Vivere nello speciale programma di protezione in località protetta - spiega Ciliberto - non è una scelta ma e l'unico modo per restare in vita. Una vita difficile lontano dai propri affetti dalla propria terra. Tutti noi speriamo in un futuro un lavoro ed una vita normale. Perche' allora si sente parlare di nuove assunzioni nella P.A. ma i testimoni di giustizia non hanno diritto a ricoprire questi posti di lavoro? Cosa cambia tra un testimone siciliano e uno campano o calabrese?".

"Perche' è cosi difficile far applicare una legge che a tre anni dall' entrata in vigore vede pochissimi testimoni assunti, a parte quelli assunti dalla Regione Siciliana?", si chiede il testimone di giustizia. Ciliberto fa un appello al Ministro della Pubblica Amministrazione Marianna Madia affinchè incontri il deputato del Pd Davide Mattiello e faccia il punto della situazione sui testimoni di giustizia che non hanno ancora un lavoro. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA