Oltretevere

  1. ANSA.it
  2. Oltretevere
  3. Oltretevere Notizie
  4. Viaggio tra arte e fede in calendario Fondo Edifici di Culto

Viaggio tra arte e fede in calendario Fondo Edifici di Culto

Edizione 2022 presentata in chiesa Sant'Ignazio di Loyola a Roma

(di Fausto Gasparroni) (ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Parla d'arte, propone immagini d'arte, ma è esso stesso una piccola opera d'arte". Così in sintesi, con le parole del prefetto Fabrizio Gallo, della Direzione Centrale per gli Affari dei Culti del Ministero dell'Interno, può essere definito il Calendario 2022 del Fondo per gli Edifici di Culto (Fec), che sotto il titolo "In viaggio con l'arte" è stato presentato questa sera nella chiesa di Sant'Ignazio di Loyola, a Roma. Un vero e proprio viaggio lungo la Penisola tra 12 chiese-capolavoro appartenenti al patrimonio nazionale del Fec, illustrate di mese in mese sia con l'immagine esterna sia con i gioielli artistici contenuti all'interno.
    Ecco, quindi, dal Nord al Sud, Santa Croce in Bosco Marengo ad Alessandria, San Giacomo Maggiore a Bologna, Santa Croce a Firenze, San Francesco a Ripa Grande, Santa Maria in Ara Coeli, Santa Maria del Popolo e la stessa Sant'Ignazio di Loyola a Roma, San Domenico Maggiore, Sant'Agostino degli Scalzi e Santa Chiara a Napoli, Santa Teresa alla Kalsa a Palermo e Santa Lucia al Sepolcro a Siracusa. E, montate suggestivamente in un gioco esterno-interno, ecco le immagini delle pale, dipinti o affreschi in esse contenuti, in cui si va da Giotto a Vasari, da Caravaggio ad Andrea Pozzo. Il tutto stampato con una raffinata tecnica serigrafica a rilievo e piccole foglie d'oro sovrapposte.
    "Nei mesi di chiusura dei musei, la gente è tornata nelle chiese per ammirare le opere d'arte. Ed è una tradizione che dovremo continuare - ha commentato Eike Schmidt, direttore degli Uffizi a Firenze e presidente del Cda del Fondo Edifici di Culto -. Con il calendario vengono proposte grandi chiese che sono nella responsabilità del Fec, come invito a scoprire anche tante altre chiese italiane. Sono tutte chiese che possono gareggiare da un punto di vista storico-artistico con qualsiasi museo. Ma sono molto di più, perché sono anche luoghi di culto".
    E' stato lo storico dell'arte Claudio Strinati, che nel calendario commenta mese per mese i capolavori raffigurati, a sottolineare come esso sia "un'opera d'arte in se stessa, realizzato e stampato con una cura che rende merito ai gioielli d'arte illustrati. C'è poi un timbro luminoso che fa riferimento ai Vespri, una luce che si ammorbidisce, un clima di dolcezza e intimità che è l'elemento portante: tutte le immagini parlano di questa quotidianità, intimità dei rapporti, ma allo stesso tempo della solennità imperscrutabile della fede, il mistero, la gloria celeste". E tale "dimensione intima è anche un monito verso questa nostra età di clamori".
    Grazie alla partnership con Ferrovie dello Stato, il calendario "In viaggio con l'arte" si vedrà nei totem delle Sale d'attesa 'Frecce' e nei video dei treni ad Alta velocità. E il chief communication officer Luca Torchia, oltre ad esprimere l'"orgoglio" del gruppo Fs per questa opportunità, ha sottolineato che "faremo viaggiare l'arte in treno per contribuire alla ripresa, alla ripartenza e alla crescita del Paese", in primis "la ripresa del turismo per uscire da questi momenti bui".
    Il card. Gianfranco Ravasi, 'ministro' vaticano della Cultura, ha inviato un messaggio sul concetto di "tempio" e di "arte e fede che sono autentiche sorelle".
    Nelle conclusioni, il sottosegretario all'Interno Ivan Scalfarotto ha rilevato che "questo calendario è importante perché non tutti sono a conoscenza del Fec e del fatto che 840 chiese, tantissime, sono della Repubblica, dello Stato: un messaggio importante che dovrebbe essere più noto". "Noi del Ministero dell'Interno - ha proseguito - abbiamo tra le mani un patrimonio incredibile, ma soprattutto una responsabilità incredibile, che riguarda l'espressione più alta del nostro essere italiani". "Un patrimonio importante ma anche fragile", ha aggiunto Scalfarotto, osservando come "in queste chiese ci sia anche la nostra biografia". Il sottosegretario ha concluso che "nel Pnrr c'è un importante stanziamento per il Fondo Edifici di Culto: anche in quel piano si guarda ai beni del Fec, avendo la comprensione che la nostra vita e il nostro futuro corrispondono alla nostra storia". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



Modifica consenso Cookie