Piemonte
  1. ANSA.it
  2. Piemonte
  3. Cospito, Corte rinvia atti a Consulta

Cospito, Corte rinvia atti a Consulta

Corteo per chiedere la sua liberazione per le vie di Torino. Malmenato un barista che si era lamentato per gli atti di vandalismo

La Corte d'Assise d'Appello di Torino ha accolto alcune eccezioni della difesa degli anarchici Alfredo Cospito e Anna Beniamino, accusati per i pacchi bomba alla caserma degli allievi carabinieri di Fossano (Cuneo), nel 2006. La Corte rinvierà alla Consulta la decisione sulla concessione o meno delle attenuanti, mentre il procuratore generale aveva chiesto l'ergastolo. Cospito, se la Corte costituzionale accoglierà le eccezioni, non rischierebbe l'ergastolo ostativo, ma una condanna tra i 21 e 24 anni.

Il procuratore generale Francesco Saluzzo,a conclusione della sua requisitoria, durante l'udienza d'Appello che si sta svolgendo a Torino, ha chiesto per l'anarchico Alfredo Cospito l'ergastolo e dodici mesi di isolamento diurno per l'attentato alla scuola allievi dei carabinieri di Fossano (Cuneo), del 2005. Per la compagna di Cospito, Anna Beniamino Saluzzo la Procura ha chiesto 27 anni e un mese. 

 

Processo Cospito, botte a un barista durante il corteo degli anarchici a Torino

"Condannato in un limbo senza fine, in attesa della fine dei miei giorni Non ci sto e non mi arrendo ma continuerò il mio sciopero della fame per l'abolizione del 41 bis e dell'ergastolo ostativo fino all'ultimo mio respiro per far conoscere al mondo questi due abomini repressivi di questo Paese", ha detto Cospito in una dichiarazione spontanea nel corso dell'udienza che si è aperta a a Torino.

Alla fine delle dichiarazioni spontanee i compagni dei due anarchici presenti in aula hanno lanciato slogan tra cui "Se vai con il nucleare ti tocca zoppicare", un chiaro riferimento all'attentato avvenuto a Genova nel 2012, quando l'ad dell'Ansaldo venne gambizzato. Per questa vicenda Cospito è stato condannato. 

Gli anarchici in corteo hanno chiesto la liberazione di Alfredo Cospito, per le vie di Torino. In circa 250 si sono mossi dal presidio davanti a Palazzo di Giustizia, dove si sta svolgendo l'udienza d'Appello. In apertura il corteo un striscione rinforzato con dei pannelli, mentre in prima fila antagonisti indossano dei caschi. Alcune scritte sono state fatte sui muri delle banche, mentre un barista, che si era lamentato per gli atti vandalici, è stato malmenato. Sono stati accesi dei fumogeni e sono state fatte esplodere diverse bombe carta. Il corteo è arrivato in corso Regina Margherita, in direzione del mercato di Porta Palazzo. Fuori dal Palazzo di Giustizia, blindato per l'occasione, oltre duecento antagonisti si sono dati appuntamento per una manifestazione in solidarietà al loro compagno che insieme ad Anna Beniamino, da più di un mese sta portando avanti uno sciopero della fame per protestare contro il regime del 41 bis a cui è sottoposto. Dopo aver bloccato la strada sono partiti in corteo, durante il quale sono state lanciate alcune bombe carta, dei fumogeni e sono state fatte sui muri, soprattutto delle banche, delle scritte. Un barista, che si era lamentato per gli atti vandalici è stato malmenato. 120 gli anarchici identificati dalla Digos della Questura di Torino. Oltre a militanti torinesi c'erano anche antagonisti provenienti da altre città come Roma, Trento e Genova.

 

Torino, corteo degli anarchici dal Tribunale al centro per processo a Cospito

 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030


        Modifica consenso Cookie