Più di 11 mila imprese hanno aderito a 'cassetto digitale"

Camera commercio Umbria segnala trend in crescita

(ANSA) - PERUGIA, 05 MAG - Hanno superato quota 11 mila le imprese umbre che hanno aderito al cassetto digitale dell'imprenditore al 30 aprile 2021 (tramite l'accesso in piattaforma impresa.italia.it). A quattro anni dal lancio del nuovo servizio, sono infatti 11.290 le aziende che hanno scelto di utilizzare il servizio (su un totale di 94.202 imprese), 8.117 a Perugia e 3.173 a Terni. Un trend in crescita, spiega la Camera di commercio dell'Umbria secondo la quale nel 2018 le imprese che utilizzavano il cassetto erano 3.341, meno di un terzo rispetto a oggi.
    A livello nazionale, il "cassetto" nello scorso mese di aprile ha raggiunto e superato quota un milione (1milione 481mila) pari al 16,4% del totale delle imprese iscritte in Italia al 30 aprile 2021 al Registro imprese del sistema camerale.
    Secondo la Camera di commercio i dati sono dunque "incoraggianti e in crescita", in Umbria come nel resto del Paese, ma la trasformazione digitale delle imprese "è ancora un terreno tutto da coltivare. Enormi infatti le potenzialità dello strumento che la maggior parte delle aziende ancora non utilizza".
    "Il percorso verso una transizione digitale è appena iniziato, ma senza dubbio il traguardo di un milione di adesioni è un risultato significativo del lavoro che sta compiendo il sistema camerale in risposta alle richieste di innovazione e semplificazione che arrivano dalle imprese. Stiamo interpretando il concetto di trasformazione digitale, prioritario per il mondo produttivo e per il sistema Paese, per il tramite di iniziative concrete: ogni cassetto digitale, infatti, rappresenta un imprenditore dotato di identità digitale che, grazie all'utilizzo di smartphone e tablet, acquisisce sempre maggior consapevolezza del valore del patrimonio informativo delle Camere di Commercio, aperto alle esigenze della propria impresa" sottolinea Mario Pera, segretario generale facente funzioni della Camera di commercio dell'Umbria.
    Il cassetto digitale si apre con una "chiave" . Una Cns (ossia una smart card o chiavetta usb) o uno Spid, che consente l'identificazione certa dell'utente in rete e permette, a chi ha una carica all'interno di un'impresa, di firmare digitalmente documenti informatici oltre che accedere in rete a tutti i servizi della pubblica amministrazione. Dentro il cassetto c'è tutta la vita di un'impresa: bilanci degli ultimi tre anni, documenti anche in inglese, il numero dei dipendenti, il capitale sociale, visura dei soci, visura ordinaria completa, gli ultimi tre bilanci d'esercizio. E poi tutti gli atti: fusioni, statuto e altro. Non solo. Il cassetto è più completo rispetto a quello che l'imprenditore troverebbe facendosi stampare, e pagare, una visura allo sportello, come ad esempio le pratiche presentate al Suap. Un cassetto "pesante" dunque, pieno di documenti, ma "leggero" tanto da essere portato nello smarthphone. Nel giro di pochi secondi dal proprio cellulare l'imprenditore apre il cassetto e in tempo reale scarica un pdf di quello che gli serve e può anche condividerlo.
    Per l'ente camerale "un passaggio fondamentale, che trasforma il cassetto digitale per l'imprenditore in una vera 'rivoluzione' con effetti immediati nella vita quotidiana". Se si è ad esempio in fila in banca e ci si accorge allo sportello che manca un documento, a quel punto si accede dal cellulare al cassetto digitale e in pochi minuti a costo zero, grazie al servizio gratuito offerto dalla Camera di commercio, si accede all'informazione che ci occorre. O per l'imprenditore che è all'estero, se si ha una necessità immediata di accedere ad una visura , può averla in tempo reale anche in lingua inglese.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie