Press Release

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - Sesta commissione - Primo via libera al Piano pluriennale per lo sport 2022-2026

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

(Arv) Venezia 14 set. 2022 -      La Sesta commissione permanente del Consiglio regionale del Veneto, nel corso della seduta odierna, ha approvato a maggioranza, senza voti contrari, la Proposta di deliberazione amministrativa n. 47 relativa al Piano pluriennale per lo sport 2022-2026, che potrà così essere inserito all’ordine del giorno dei lavori dell’Assemblea legislativa. Il documento, sottoposto all’approvazione del Consiglio su iniziativa della Giunta regionale ai sensi della L. reg. n. 8/2015, contiene indirizzi, obiettivi e priorità, e individua lo scenario dell’attività sportiva nel contesto europeo, nazionale e veneto, con particolare riferimento alla situazione degli impianti sportivi, delle società sportive, del numero dei tesserati e alla diffusione della pratica sportiva fra la popolazione, lo stato di attuazione della pianificazione pregressa, le politiche regionali da mettere in atto per la diffusione della pratica sportiva, e il fabbisogno finanziario. Il Piano, inoltre, non avrà più durata triennale, bensì quinquennale, ovvero fino al 2026, coincidente con lo svolgimento delle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina. Tra gli elementi emersi nel corso dell’esame del provvedimento, lo scenario che ha caratterizzato il periodo tra il 2019 e il 2021 e gli impatti della pandemia sulla pratica sportiva e sul benessere, emersi dagli studi del Dipartimento per lo sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri e di Sport e Salute, la società pubblica che si occupa dello sviluppo dello sport in Italia; da questi dati emerge la perdita di oltre 1,7 mil. di tesserati a livello nazionale, e l’aumento dell’indice di sedentarietà anche del Veneto, in aumento rispetto al 23% del periodo pre-pandemico - tra i più bassi a livello nazionale. Il Piano pluriennale, in un’ottica di ‘ripartenza’, punta a migliorare l’offerta impiantistica per l’attività sportiva di base, cui si aggiungono l’incentivazione della pratica motoria sportiva a tutti i livelli, anche allo scopo di ridurre i livelli di sedentarietà della popolazione e il conseguente rischio per la salute. Tra i temi fondamentali del Piano, l’inclusività di tutte le persone di qualsiasi età, ceto sociale e genere alle più svariate attività motorie e sportive, e l’accessibilità a tutte le strutture ricettive da parte di tutti i cittadini, sia normodotati che con disabilità. Per quanto riguarda lo stato di attuazione della pregressa programmazione, in linea generale risultano ammessi a contributo regionale 1179 interventi, di cui 399 nel 2019, 386 nel 2020 e 394 nel 2021, per un importo totale che supera i 6,6 milioni di euro. Gli ulteriori stanziamenti saranno disponibili a seguito dell’approvazione della Legge regionale di Bilancio di ciascuna annualità; per il 2022 sono previsti oltre 1,8 mil. di euro, suddivisi tra azioni regionali a favore dell’impiantistica e della pratica sportiva.

Via libera a maggioranza, senza voti contrari, anche al Parere alla Giunta regionale n. 198 relativo al programma di celebrazione della Giornata dei Veneti nel Mondo per l'anno 2022, ossia la giornata istituita con L. reg. n. 8/08 dedicata agli emigrati veneti che con il loro lavoro e la loro opera quotidiana hanno fatto conoscere il Veneto nel mondo. In particolare, con il provvedimento sottoposto all’attenzione della Commissione è stata accolta la proposta di celebrare tale Giornata il prossimo 2 ottobre a Verona, in concomitanza con il 50’ anniversario dell’associazione Veronesi nel mondo, e subito dopo la riunione della Consulta dei Veneti nel mondo e del Meeting del coordinamento dei giovani veneti e giovani oriundi veneti che si terranno a Treviso dal 29 settembre al 1’ ottobre, consentendo così ai giovani provenienti dall’estero di poter intervenire alle celebrazioni. Per la realizzazione della Giornata, nel corso della quale si svolgeranno le premiazioni delle Eccellenze venete (un riconoscimento che da alcuni anni la Regione attribuisce ad alcuni veneti che si sono distinti per peculiari meriti nell’ambito della cultura, della ricerca, del lavoro, o per l’impegno a favore dell’emigrazione) è prevista la compartecipazione ai costi organizzativi sostenuti dall’Associazione Veronesi nel mondo di Verona, tramite rimborso di una quota pari all’80%, per una spesa massima di euro 11.200 euro.

Infine, è stato approvato a maggioranza il Parere alla Giunta regionale n. 200, volto ad approvare, per le finalità di cui alla L. reg. n. 59/99 “Nuove disposizioni in materia di intervento regionale per l’ampliamento, completamento e sistemazione di edifici scolastici per le scuole materne, elementari e medie”, il programma di riparto relativo a 850mila euro da destinare a interventi di sistemazione e messa in sicurezza di edifici scolastici di proprietà di enti pubblici e interventi di sistemazione e messa in sicurezza di edifici scolastici di proprietà di istituzioni private.

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Modifica consenso Cookie