Sardegna
  1. ANSA.it
  2. Sardegna
  3. Caro energia e materie prime, lievita anche costo del pane

Caro energia e materie prime, lievita anche costo del pane

Allarme Confartigianato, 732 laboratori a rischio

Lievita il costo del pane. Anche le imprese sarde strette nella morsa dell'aumento dei costi dell'energia e delle materie prime. Ma i costi non si scaricano sul prodotto finale. Lo denuncia Confartigianato ricordando che nell'Isola ci sono 732 laboratori e 3mila addetti che sfornano 100mila tonnellate di pane al giorno.
    "Le nostre realtà della panificazione sono preoccupate per l'abnorme crescita dei prezzi di gas, energia, materie prime e materiali di imballaggio già in atto da alcuni mesi - spiega Maria Amelia Lai, presidente di Confartigianato Imprese Sardegna - dai calcoli effettuati sempre dal nostro Ufficio Studi, su dati del GME, rispetto al 2021 un molino che utilizza quasi 1,5 milioni di kWh/anno, potrebbe subire un aumento anche del 220%, passando da 131 a 420 mila euro di costi mentre un panificio, con un consumo medio di 150mila kwh, potrebbe patire un aumento anche del 145%, passando da quasi 21mila a oltre 51mila. Inoltre confrontando le fatture di acquisto di questo inizio anno con quelle dell'anno scorso, si nota come in media le farine di grano tenero per panificazione siano cresciute del 25% mentre la semola di grano duro del 60%".
    Quello della panificazione sarda è settore fondamentale per l'alimentare isolano. Secondo l'analisi dell'Ufficio Studi di Confartigianato Imprese Sardegna, su dati Istat, ogni giorno si sfornano oltre 100mila tonnellate di pane fresco per oltre 800 i tipi di prodotto. Per ciò che riguarda i consumi, sono 730.510 famiglie sarde che in media spendono ogni mese circa 21 euro per acquistare civraxiu, moddizzosu, pane carasau, etc. Partendo da questo dato è possibile stimare che in media la spesa annua sostenuta da tutte le famiglie dell'Isola per l'acquisto di pane ammonta a 186 milioni di euro.
    Gli aumenti dei costi energetici aggiunti a quelli del grano e delle materie prime, però, solo in minima parte hanno traslato la loro azione sui prodotti al consumo che, quindi, hanno continuano a registrare variazioni dei prezzi molto inferiori all'inflazione media e in linea all'inflazione alimentare.
    Per questo i panificatori denunciano una situazione di inflazione anomala: crescono i prezzi di produzione ma l'economia è ferma e i consumatori fanno fatica a comprare perché il lavoro si è ridotto o c'è timore di spendere, con conseguente stagnazione dei consumi.
    "Le imprese, quindi, non riuscendo ad assorbire i rincari, per coprire almeno il costo di produzione, sono costrette a intervenire sui prezzi del prodotto finito - continua la Presidente Lai - praticamente non avendo nessun margine, queste realtà, che si sono salvate dal Covid, rischiano di spegnersi definitivamente". 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie