Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Tv
  4. Barre aperte, nuova web serie ambientata in carcere minorile

Barre aperte, nuova web serie ambientata in carcere minorile

Rapper Kento tra giovani detenuti di Milano e Airola (Bn)

(ANSA) - ROMA, 07 FEB - Barre Aperte è una nuova web serie che vede protagonista il rapper Francesco "Kento" Carlo, tra le storie dei minori condannati a detenzione nell'Istituto Penale per Minorenni Beccaria di Milano e in quello di Airola, in provincia di Benevento. Scritta dallo stesso Kento, con le riprese ed il montaggio di Hélio Gomes, la serie, realizzata da "CCO - Crisi Come Opportunità" e "Associazione Puntozero", grazie al supporto di Fondazione Alta Mane Italia, è visibile in esclusiva sul sito di Repubblica e sui canali del gruppo Gedi a partire dal 24 gennaio. Barre Aperte è un finestra aperta su una realtà troppe volte dimenticata, quella della detenzione minorile, che si fa racconto nelle parole di Kento, riuscendo a distogliere l'attenzione dal set in cui si svolge, e conducendo lo spettatore tra le attività artistiche che le due Associazioni portano avanti da anni e tra le vite di questi giovani che desiderano una seconda possibilità.
    "Questo è un grande riconoscimento per i nostri ragazzi - commenta Kento - che meritano spazio. Dal momento in cui l'ho ideata e scritta, ho trovato un supporto straordinario in CCO e in Puntozero, che da anni mettono in pratica in modo coinvolgente ciò che la musica ed il teatro possono realizzare all'interno di un contesto difficile per definizione come quello carcerario. Tengo a sottolineare che Barre Aperte è la prima serie che ha in mente i detenuti come protagonisti e come spettatori, poiché verrà distribuita anche su supporti Usb per i reclusi negli istituti penitenziari".
    "Entrare in connessione e collaborare con le realtà che si occupano delle nostre stesse tematiche per noi è fondamentale - spiegano Giulia Agostini e Lisa Mazoni presidenti di CCO e di Puntozero - ed è proprio dalla collaborazione delle nostre realtà che ha preso vita questa web serie. Durante il viaggio Kento incontra amici e colleghi, Luca Caiazzo, in arte Lucariello, che lo accompagna nella città e nell'Istituto di Airola, e Beppe Scutellà, uno dei precursori del lavoro con il teatro e i minori ristretti, che da più di 25 anni lavora all'interno dell'istituto penale Beccaria di Milano". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai a RAI News

        Modifica consenso Cookie