Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Tv
  4. Corrado Guzzanti, Lol? Come fare la maratona di Ny

Corrado Guzzanti, Lol? Come fare la maratona di Ny

Tra i protagonisti del comedy show, dal 24/2 su Prime Video

ROMA - "Credo che il massimo del narcisismo sia eliminarsi da soli. Funzionano molto di più le cose strappate sul momento che il pezzo che ti sei preparato, quindi ha più senso seguire il flusso delle interazioni. Il problema della comicità scontata è che tutti possono anticipare il finale di una battuta o di una gag, ma la risata funziona più che altro con la sorpresa, per questo la qualità qui è una questione tattica più che altro". Parola di Corrado Guzzanti, che vedremo in LOL - Chi ride è fuori 2, dal 24 febbraio su Prime Video, alle prese con una seduta spiritica e poi nei panni di uno dei suoi personaggi più amati, Vulvia ("o meglio quelli della nonna di Vulvia",) vestito con abito da sera rosso con tanto di spacco e lunghi capelli biondi, ma non solo, anche mentre suona Venditti al piano e in quelli del celebre studente Francesco.

Il comico, attore, sceneggiatore, imitatore, regista, tra i più amati e geniali del panorama italiano, è tra i protagonisti dell'attesissimo comedy show già super commentato sui social dopo l'uscita del primo trailer. Presentato oggi alla stampa, il programma, prodotto da Endemol Shine Italy per Amazon Studios, ha un mood che è stato introdotto dalla frase "Il gioco è molto divertente, ma una volta basta", dice Frank Matano, concorrente nella precedente stagione, co-conduttore in questa seconda con Fedez. Nel cast , oltre a Guzzanti, Maccio Capatonda, Virginia Raffaele e il Mago Forest accanto a Maria Di Biase, Diana Del Bufalo, Tess Masazza, Alice Mangione, Gianmarco Pozzoli e Max Angioni. E poi Lillo, vincitore morale della prima edizione, come special guest. Non stupirà nessuno scoprire che alla domanda "Chi vi ha fatto ridere di più?" la maggior parte dei concorrenti abbia risposto: Corrado Guzzanti. Il diretto interessato come si è trovato in questa grande famiglia? "E' stato molto divertente, ho sottovalutato la fatica fisica, ho dimenticato che ho una certa età, come quelli che si iscrivono alla maratona di New York e svengono dopo mezzo chilometro". Ammette di non ricordare bene quello che ha fatto, conferma che ci sarà Vulvia e che suonerà Venditti: "Ho preso questa esperienza come una sorta di terapia d'urto, perché lontana rispetto a quello che ho sempre fatto, come uno sport estremo che intraprendi così, di getto, all'improvviso. Sono stato a disagio, ma mi sono anche molto divertito. I due anni chiusi per il Covid m'hanno portato ad accettare un qualcosa di diverso rispetto a quello che faccio solitamente". Mago Forest, con la sua solita ironia provocatoria: "Posso dire quella cosa di Corrado? No? non posso nemmeno dire che ha vinto Corrado?" (si ride, ma non si può, è penalità). Invece Maccio Capatonda tiene a dire: "Corrado mi ha regalato genialità da quando ero quattordicenne". Mentre tutti confessano di non essersi frequentati al di fuori di Lol, ma si augurano di farlo presto, Capatonda rivela di avergli chiesto "facciamo un film" e che lui gli avrebbe risposto di sì. Ma Guzzanti nicchia, non sembra convintissimo. Una situazione in cui a Corrado scappava da ridere senza poterlo fare? I funerali. "Non ci vado, mando solo fiori, è irrispettoso da dire".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai a RAI News

      Modifica consenso Cookie