Air Italy: nuova fumata nera su Cig, sindacati all'attacco

I liquidatori confermano il no a proroga ammortizzatori

(ANSA) - OLBIA, 20 APR - "Proroga degli ammortizzatori sociali almeno al 31 dicembre, per consentire una soluzione imprenditoriale diversa dalla chiusura". L'hanno chiesto i sindacati ai vertici aziendali di Air Italy e ai liquidatori della società durante il confronto odierno sul licenziamento di 1.383 dipendenti. Ma è stata fumata nera. "Prendiamo atto dell'indisponibilità dei liquidatori ad accedere alla proroga", riferisce il segretario regionale della Filt Cgil, Arnaldo Boeddu. "Indisponibilità ad un altro periodo di cassa integrazione", conferma Marco Bardini, segretario regionale dell'Anpav.
    La motivazioni? "Mancanza di mandato dalla proprietà, risorse per l'eventuale proroga, mancanza di un quadro normativo per accedere alla Cig", spiega Boeddu che però ricorda: "sottosegretari e viceministri confermano che, se richiesto, un ulteriore periodo di cassa integrazione verrebbe accordato".
    "Senza un atto di responsabilità dell'azienda e della proprietà, dal 30 giugno 1.383 famiglie non avranno alcun sostegno al reddito", rincara Bardini.
    Quanto alle manifestazioni di interesse per acquisire i rami d'azienda aviation e non aviation, "dicono che nessuna si è concretizzata e che loro non ne hanno rifiutato alcuna", riassume Boeddu.
    "Dato che la liquidazione avrà tempi lunghi, chiediamo che non venga formulata istanza all'Enac di cancellazione del Certificato di operatore aeronautico - chiede Bardini - in attesa di manifestazioni di interesse per i residui asset della compagnia". Boeddu avverte che "senza accordo in sede aziendale, chiederemo il confronto al Ministero del Lavoro". Bardini sottolinea che "questa vertenza è la principale crisi industriale in atto in Sardegna e Lombardia, perciò il silenzio delle istituzioni locali è inaccettabile". Ecco perché , ribadisce, "il 26 aprile manifesteremo a Cagliari, davanti a Villa Devoto, chiedendo al presidente Christian Solinas e agli assessori competenti di riceverci". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie