Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. L'appello social, 'restituite la mamma ad Alice'

L'appello social, 'restituite la mamma ad Alice'

Evacuata da Azovstal ma bloccata dai russi. Bimba a Zaporizhzhia

Separata dalla figlia di 4 anni, Alice, il giorno della Festa della mamma durante l'evacuazione dall'acciaieria Azovstal di Mariupol. E' la storia di Victoria Obidina, medico militare che ha curato i combattenti asserragliati nell'impianto siderurgico fino a due giorni fa, quando è stata evacuata dall'impianto siderurgico diventato la roccaforte della resistenza ucraina a Mariupol.

La vicenda di Victoria e della sua bambina è rimbalzata sui social ucraini dove i follower chiedono a gran voce il rilascio della donna con l'hashtag 'returnAlissimama'. La cattura da parte di unità militari è stata segnalata dal reggimento Azov: "Victoria è rimasta in un campo di filtrazione nel territorio dell'autoproclamata repubblica di Donetsk, mentre la figlia è arrivata a destinazione a Zaporizhzhia ieri ed è stata affidata ad una famiglia ucraina. Al momento non si sa dove si trovi la madre", ha scritto Azov. Probabilmente il medico si trova ora in un campo di filtrazione a Mangush.

Alice e Victoria non sono due volti sconosciuti, erano comparse in un video che mostrava i rifugiati dentro i tunnel di Azovstal nei giorni scorsi, quando ancora nessun accordo era stato raggiunto tra Mosca, Kiev e le istituzioni internazionali per evacuare i circa mille civili dai rifugi antiatomici dell'impianto siderurgico. Nelle immagini la bambina teneva il suo libretto in mano, un scoiattolo sul maglioncino a righe e rispondeva alle domande tenendo gli occhi bassi: "Che cosa vuoi dire a chi ti vede? Voglio essere evacuata. Dove sei adesso? In un rifugio per le bombe. Ti piace qui? Voglio tornare a casa mia. Chi vuoi salutare? Mia nonna Sveta". Poi finalmente alzava lo sguardo timida e si copriva il viso con le manine.

Il comune di Mariupol era intervenuto sui social pubblicando il video e un commento: "Il mondo russo vuole uccidere Alice, di quattro anni. Lei è a Mariupol. Per un mese e mezzo la sua casa è stata un rifugio antiaereo nello stabilimento di Azovstal. La madre è un medico militare. Lei salva i feriti. Se lei e sua figlia vengono fatti prigionieri, non c'è possibilità di trattamento umano. E cosa vuole Alice? Casa! Tutti i bambini sono uguali. Chiediamo alla comunità mondiale di fermare il genocidio e salvare le persone".

Ora Alice è salva, ma in una casa e con una famiglia che non sono le sue. 

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Modifica consenso Cookie