Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. Violenza donne: via libera del Cdm al disegno di legge

Violenza donne: via libera del Cdm al disegno di legge

E stretta su sospensione pena nel ddl oggi all' esame del Cdm

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera, a quanto si apprende da fonti governative, al disegno di legge per la prevenzione e il contrasto del fenomeno della violenza nei confronti delle donne e della violenza domestica. Il testo è frutto del lavoro delle ministre Elena Bonetti, Luciana Lamorgese, Marta Cartabia , Mara Carfagna, Mariastella Gelmini, Fabiana Dadone ed Erika Stefani.

Per alcuni dei reati contro le donne, in particolare nei casi di violenza domestica, i magistrati potranno procedere anche d'ufficio. Lo prevede la bozza del disegno di legge "per la prevenzione e il contrasto del fenomeno della violenza nei confrotni delle donne e della violenza domestica". Il testo, di 11 articoli, è in discussione in Consiglio dei ministri e alcune norme potrebbero ancora essere modificate.

L'organo di polizia che procede a seguito di denuncia o querela in ambito di violenza domestica, "qualora dai primi accertamenti emergano concreti e rilevanti elementi di pericolo di reiterazione della condotta", lo comunica al prefetto competente il quale può adottare "misure di vigilanza dinamica, da sottoporre a revisione trimestrale, a tutela della persona offesa". 

Le pene previste per i reati di percosse, lesioni, minacce, violazione di domicilio e danneggiamento sono aumentate "se il fatto è commesso nell'ambito di violenza domestica da soggetto già ammonito". Lo prevede la bozza del ddl sulla violenza sulle donne e domestica.

Il pubblico ministero può disporre anche al di fuori dei casi già previsti (come la flagranza di reato) "il fermo della persona gravemente indiziata" di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e atti persecutori o di un "delitto consumato o tentato, commesso con minaccia o violenza" (per cui la legge prevede "ergastolo o reclusione superiore nel massimo a tre anni") se "sussistono specifici elementi per ritenere grave e imminente il pericolo", quando" non è possibile, per la situazione di urgenza, attendere il provvedimento del giudice". Lo prevede la bozza del ddl contro la violenza sulle donne e domestica.

Al disegno di legge sulla violenza contro le donne, un testo frutto del lavoro delle ministre Elena Bonetti, Luciana Lamorgese, Marta Cartabia , Mara Carfagna, Maria Stella Gelmini e Erika Stefani ce dovrebbero parlarne in conferenza stampa.Una tutela dinamica alle donne che denunciano violenza, nei casi più gravi e senza stravolgere la vita delle vittime: questa misura, fortemente voluta dal ministro Maria Stella Gelmini, compare nel disegno di legge sulla violenza contro le donne approvato in Consiglio dei ministri. Dopo una denuncia o una querela, le forze dell'ordine, dopo i primi accertamenti, in caso di pericolo concreto potranno dunque avviare l'iter per disporre una vigilanza a tutela della persona offesa.

La conferenza stampa delle ministre

"C'è un impegno di tutto il governo, con grande convinzione, nel contrasto alla violenza maschile contro le donne". Lo dice la ministra per le Pari Opportunità Elena Bonetti in conferenza stampa. "C'è una strategia contro la violenza maschile sulle donne. C'è un intervento importante anche per gli orfani di femminicidio. Nessun alibi, non si può tollerare questo fenomeno aberrante", aggiunge.

"In caso di atteggiamenti violenti si potrà procedere di ufficio", afferma la ministra dell'Interno, Lamorgese, che aggiunge: "tante volte non denunciano perché in situazioni anche economiche difficile".

"Il provvedimento contiene una pluralità di misure. Con un duplice obiettivo: rafforzare strumenti di prevenzione e protezione delle donne", afferma la ministra della Giustizia Marta Cartabia. "C'è la possibilità di applicare il fermo di fronte a forti indizi di reati che possono costituire un pericolo per le donne", continua.

"Per la sospensione condizionale della pena, prevediamo un rigoroso rispetto dei percorsi di recupero e un uso più diffuso, vasto, robusto del braccialetto elettronico che pone il violento di fronte all'alternativa di indossarlo o finire in carcere. Poi c'è una provvisionale per gli orfani di femminicidio, da erogare non al termine di un lungo processo ma dopo le indagini preliminari", spiega la ministra del Sud Mara Carfagna, in conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie