ANSAcom
  • Enrico Bertolino, l’uomo studi e faccia lavorare le macchine
ANSAcom

Enrico Bertolino, l’uomo studi e faccia lavorare le macchine

Comico a un dibattito nello stand di Oversonic a Fiere di Parma

PARMA ANSAcom

“Ci sono ancora tanti pregiudizi, come la paura che queste macchine rubino il lavoro all’uomo, ma se l’uomo mantiene il primato della qualità del servizio, della gentilezza e della cortesia, farà sempre la differenza. Loro ci tolgono i lavori onerosi e pericolosi: potrebbero togliere l’amianto, per esempio. Noi invece dobbiamo mantenere il rapporto con le persone, continuare a studiare mentre loro lavorano”. Non usa mezzi termini Enrico Bertolino. Il comico milanese ha partecipato questa mattina al dibattito ‘Il futuro del lavoro / I lavori del futuro’, organizzato dalla startup brianzola Oversonic – specializzata in progettazione e costruzione di robot umanoidi cognitivi – a Sps Italia 2022, la fiera dell’automazione e del digitale per l’industria in corso a Parma. Bertolino ha dialogato con Paolo Denti, responsabile e fondatore di Oversonic, e con William Griffini, amministratore delegato di Carter & Benson, società di consulenza. Durante il dialogo si è parlato di nuove professionalità, dell’importanza della formazione e della necessità di costituire un equilibrio tra umani e macchine, per far sì che queste possano compiere le mansioni usuranti guidate dall’intelligenza umana. “Così abbiamo realizzato la coesione perfetta – ha sottolineato Bertolino – loro ci mettono le mani e le braccia, mentre noi ci mettiamo il cervello. Perché per quanto ci sia tanta intelligenza artificiale, l’intelligenza umana è quella che l’ha generata e non dobbiamo dimenticarcene. Infine, se questi robot possono dare più tempo libero da dedicare alla famiglia, al tempo libero e, perché no, al teatro, ben venga”.

In collaborazione con:
Oversonic

Archiviato in


Modifica consenso Cookie