Calcio

Roma: Mourinho 'Non c'è motivo di essere ultra ottimisti'

'Cinque vittorie non sono cinquanta, serve equilbrio'

 "Cinque vittorie non sono cinquanta. Non c'è ragione per essere ultra ottimisti e positivi", con queste parole Josè Mourinho cerca di smorzare l'entusiasmo creatosi intorno alla Roma per l'avvio di stagione. Poi aggiunge: "I risultati positivi sono comunque importanti perché aiutano il progetto di sviluppo della squadra. I tifosi anche devono essere equilibrati come noi, devono capire che è un processo e stiamo lavorando solo da due mesi". Poi un appello al Governo sugli stadi: "L'Olimpico sempre pieno è bello e può spingere le autorità a capire che c'è una voglia tremenda della gente di tutte le squadre d'Italia di poter andare allo stadio con normalità e quindi al 100% della capienza". Lo Special One non si sottrae poi alle domande sul turn-over. "Ovviamente lo farò, Calafiori giocherà al posto di Vina, mentre uno tra Mancini e Ibanez riposerà. I calciatori sono intelligenti e capiscono le cose. El Shaarawy capisce che per me è importante ed è un titolare. Non sono mai solo undici, stare in panchina o dall'inizio è una situazione che può cambiare. Non ho mai avuto una stagione in cui la formazione che ha cominciato è stata la stessa che ha finito". 

 'Serie A più importante di Conference' - "Non so se questa squadra è più adatta alle coppe, ma per noi è molto più importante il campionato della Conference League", lo ha detto Josè Mourinho in conferenza stampa alla viglia della sfida con il CSKA Sofia. Poi ha aggiunto: "Voglio comunque la mentalità giusta: la prossima partita è sempre la più importante. Quando ci sarà la Coppa Italia dovrà essere lo stesso. E' così che mi piace ragionare e così faremo. Voglio che la squadra sia pronta in tutte le competizioni". Sulle possibilità di vincere la Conference League poi è chiaro: "Mi piacerebbe vincerla, ma l'obiettivo non è essere l'unico ad aver vinto tutte e tre le coppe europee. Oggi siamo lontani dal poterla vincere, ma mi interessa e il primo passo è vincere il girone". 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie