Calcio
  1. ANSA.it
  2. Sport
  3. Calcio
  4. Champions: agli ottavi Villarreal-Juve e Inter-Liverpool nel nuovo sorteggio

Champions: agli ottavi Villarreal-Juve e Inter-Liverpool nel nuovo sorteggio

Lo ha stabilito la ripetizione del sorteggio Uefa dopo il problema tecnico con il software

Clamoroso pasticcio al sorteggio degli ottavi di Champions League. 'A causa di un problema tecnico con il software di un fornitore esterno che indica quali squadre non possono giocare tra di loro - ha ammesso l'Uefa - si è verificato un errore materiale'. Il sorteggio è stato dichiarato nullo ed è stato ripetuto. Villarreal-Juve e Inter-Liverpool l'esito per le italiane. La decisione dopo il ricorso dell'Atletico Madrid, capitato con il Bayern Monaco dopo che gli organizzatori si erano dimenticati di inserire la pallina del Manchester United nell'urna del sorteggio delle sue possibili rivali. Il Real Madrid, che era stato accoppiato con il Benfica e nella ripetizione ha pescato il ben più ostico Paris St.Germain, minaccia un'azione contro l'Uefa. Sorteggi per i playoff di Europa League: Atalanta-Olympiacos, Barcellona-Napoli, Porto-Lazio.

Questo il tabellone degli ottavi di finale di Champions League dopo la ripetizione del sorteggio. Salisburgo-Bayern Monaco, Sporting Lisbona-Manchester City, Benfica-Ajax, Chelsea-Lilla, Atletico Madrid-Manchester United, Villarreal-Juventus, Inter-Liverpool, Paris SG-Real

Champions, agli ottavi Inter-Liverpool e Villarreal-Juventus

 

Palline congelate o errore, è psicodramma sorteggi - In passato nell'urna è entrato il dolo, oggi è stata tutta colpa di una disattenzione. Certo è che i sorteggi possono riservare brividi inattesi, come è accaduto a Nyon dove l'inserimento di una pallina nel contenitore sbagliato ha costretto la Uefa a ripetere la procedura per gli accoppiamenti degli ottavi di finale. Sui social è subito partita una raffica di sberleffi all'indirizzo della federcalcio europea, ma in passato è accaduto di molto peggio. A svelarlo, nel 2016, fu l'ex presidente della Fifa Sepp Blatter sostenendo che, in ambito Uefa e non nel suo, per indirizzare la sorte a volte si era ricorso a un trucco semplice quanto infallibile: bastava raffreddare alcune palline, così al tatto le altre sarebbero sembrate calde e chi di dovere avrebbe saputo quali pescare e quando. Tre anni prima, nel 2013, l'ex arbitro internazionale turco Cakar aveva accusato l'Uefa, in un'intervista televisiva con tanto di dimostrazione pratica, di aver truccato i sorteggi per i quarti di finale della Champions League. Il metodo era di manipolare la scelte delle palline al momento degli accoppiamenti, tramite un marchingegno elettronico in grado di rendere individuabili al tatto, attraverso una vibrazione, determinate palline contenenti un piccolo pezzo in metallo con funzioni da ricevente. Insomma, un vero intrigo, per non parlare delle sfere vecchie e usurate, quindi riconoscibili, usate in certi sorteggi arbitrali durante la fase di gestazione di 'calciopoli'.

Nulla a che vedere con quanto andato in scena a Nyon. Il fattaccio accade durante l'estrazione dall'urna del Villarreal, qualificato agli ottavi dopo essere arrivato secondo nel girone F, quello vinto dal Manchester United. I due club, dunque, da regolamento non possono incrociarsi di nuovo. A questo punto la malasorte ci mette lo zampino: Michael Heselschwerdt, Head of Club Competitions della Uefa, inserisce nell'urna anche il Manchester United e l'ex giocatore dell'Arsenal Andrej Arshavin pesca proprio gli inglesi. Le immagini mostrano che la pallina del Manchester United è stata dimenticata durante la formazione della ciotola dei potenziali avversari dell'Atlético Madrid. Quest'ultimo, a sua volta, aveva perciò più possibilità di pescare il temutissimo Bayern Monaco, come poi è avvenuto. Proteste incrociate e Uefa costretta a ripetere la procedura. Ma adesso è il Real Madrid a minacciare ricorsi perché era stato sorteggiato con il Benfica prima dell'errore che ha causato il bis. Niente da fare, si rifà tutto e al Real tocca l'assai meno malleabile Paris SG.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie